World Water Day 2019- Non lasciamo indietro nessuno – di Antonio Castrofino

 > FUTURO ECOLOGICO  > Ambiente  > World Water Day 2019- Non lasciamo indietro nessuno – di Antonio Castrofino
An Indian girl scavenges amongst the remains of idols of the Hindu goddess Durga that were immersed by devotees in the Yamuna river the previous day as part of the Durga Puja festival in New Delhi, India, Thursday, Oct. 25, 2012. Thousands of the idols are left by worshippers in the holy river as part of the festival which commemorates the slaying of a demon king by lion-riding, ten armed goddess Durga, marking the triumph of good over evil. (AP Photo/Kevin Frayer)

World Water Day 2019- Non lasciamo indietro nessuno – di Antonio Castrofino

Oggi è il World Water Day 2019, la Giornata Mondiale dell’acqua. I dati diffusi dall’Onu ci dicono ancora una volta che stiamo inquinando e sprecando il bene più prezioso di questo Pianeta. Ci informano che la richiesta d’acqua nel mondo cresce al ritmo dell’1% all’anno. CIò significa il 30% in più intorno al 2050.

Il tema voluto quest’anno è “Water for all: Leaving no one behind” ossia come non lasciare indietro nessuno. E non è certo facile se contiamo che sono ancora 159 milioni le persone che nel mondo bevono acqua prelevata da fonti non controllate e non trattate, se teniamo in conto che circa 4 miliardi di persone per almeno un mese ogni anno vivono in condizioni di scarsità d’acqua importanti e oltre 700 milioni di persone potrebbero trovarsi in una condizione di continua scarsità entro il 2030.

L’acqua è insieme all’aria un bene fondamentale per la vita non solo dell’uomo su questo Pianeta e non possiamo dimenticarlo. Noi continuiamo a sprecarla, ad inquinarla, a distruggere gli ecosistemi acquatici, a rendere i nostri fiumi e i nostri mari discariche a cielo aperto. Oggi le grandi migrazioni climatiche e le guerre spingono già milioni di persone in molte aree del mondo a concentrarsi in grandi centri urbani che diventano però così sempre più invivibili e ecologicamente fragili sotto tutti i punti di vista ma soprattutto sotto quello idrico.

Non ci resta più molto tempo per cambiare abitudini, cultura, modello di sviluppo. Non aspettiamo che sia troppo tardi per affrontare le difficoltà ambientali del nostro presente. Non lasciamo che i poveri soffrano di più. Non lasciamo indietro nessuno.

Antonio Castrofino

user-gravatar
Tilt
No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website