“Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” Greta Thunberg e Fridays for Future in cammino contro i cambiamenti climatici – di Antonio Castrofino

 > FUTURO ECOLOGICO  > Ambiente  > “Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” Greta Thunberg e Fridays for Future in cammino contro i cambiamenti climatici – di Antonio Castrofino
5011

“Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” Greta Thunberg e Fridays for Future in cammino contro i cambiamenti climatici – di Antonio Castrofino

Duemila piazze in tutto il mondo e circa un milione gli studenti di tutte le età che sono scesi in oltre 100 piazze in tutta Italia ieri venerdi 15 marzo. Tantissimi i professori che hanno sostenuto i ragazzi e tanta la voglia di cambiamento.

Greta Thunberg, 16 anni, svedese, è la miccia che ha acceso il movimento Fridays for future, come da lei stessa affermato. Ogni venerdì saltava la scuola per protestare davanti al Parlamento svedese il suo sconcerto verso i cambiamenti climatici in corso. Al discorso della scorsa conferenza sul clima COP24 a Katowice, in Polonia, la giovane ragazza ha attaccato poi frontalmente e senza paura i Leader di tutto il mondo colpevoli di lasciare che il nostro Pianeta degradi sempre più nonostante il rischio che non esista un futuro per coloro che verranno.


“Dite di amare i vostri figli più di ogni altra cosa e invece gli state rubando il futuro”

“Noi dobbiamo lasciare i combustibili fossili sotto terra e dobbiamo focalizzarci sull’uguaglianza e se le soluzioni sono impossibili da trovare in questo sistema significa che dobbiamo cambiarlo.
Non siamo venuti qui per pregare i leader di occuparsene. Ci avete ignorato in passato e continuerete a farlo.
Siete rimasti senza scuse e noi siamo rimasti senza più tempo. Noi siamo qui per farvi sapere che il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no.” aveva affermato in quell’occasione la giovane attivista.

Così si sono riempite le piazze di tutto il mondo, a suo sostegno, a sostegno del Pianeta e dell’ambiente. “Non abbiamo un Pianeta B” hanno sostenuto in moltissimi tra i colorati mille cartelli.

Ora venerdì 24 maggio si terrà il secondo sciopero mondiale contro i cambiamenti climatici. 23 mila scienziati hanno deciso di appoggiare gli studenti di Fridays for Future apertamente.

“Molti giovani hanno cominciato a chiedere la salvaguardia del clima e delle risorse naturali. Sulla base delle nostre conoscenze, affermiamo che queste preoccupazioni sono giustificate e supportate dalla ricerca scientifica. Le misure attualmente applicate per la tutela del clima, della biodiversità, delle foreste, del mare e del suolo sono lontane dall’essere sufficienti”

Noi di Tilt continueremo a scendere in piazza insieme agli studenti, proseguendo la strada intrapresa con l’entusiasmo e la grinta che lo scorso venerdì ci hanno fatto respirare una fresca aria di cambiamento.

Non interromperemo il nostro cammino, semmai grideremo sempre più forte per farci ascoltare!

Antonio Castrofino

user-gravatar
Tilt
No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website